Agosto - 2022
LunMarMerGio VenSabDom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031    
Settembre - 2022
LunMarMerGio VenSabDom
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Ottobre - 2022
LunMarMerGio VenSabDom
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      
■ Eventi Centro Culturale Tommaso Moro - Gallarate
■ Altri eventi segnalati

 

Mostra
Ad usum fabricae. L'infinito plasma l'opera. La costruzione del Duomo di Milano
Centro Culturale Tommaso Moro - Gallarate
Centro Giovanile Famigliare "Giovanni Paolo II"
Istituto Sacro Cuore
Comunità pastorale San Cristoforo
  
 
Quando: dal 26 aprile al 5 maggio 2013
Dove: Chiesa di San Pietro Piazza Libertà Gallarate
 

 

La costruzione della Cattedrale coinvolse tutta la città, era l’opera per eccellenza cui tutti, in vario modo, partecipavano. Come annotano gli Annali della Fabbrica del Duomo, “senza differenza di classe, tutti accorrevano a portare il proprio obolo per la grande impresa con le materiali offerte di denaro e robe”.

Prendono vita tra le pagine antiche le commoventi storie di uomini e donne che, come possono, danno il loro contributo all’impresa comune: il mercante che lascia alla fabbrica la sua ingente fortuna, le prostitute che offrono al mattino la decima del lavoro notturno, la vecchietta che dona il lavoro delle sue braccia e perfino la pelliccetta con cui si ripara dal freddo.

Nei primi decenni del cantiere circa quattromila persone lavoravano alla costruzione della Cattedrale. Molti erano stranieri, importati per conoscenze e competenze sviluppate altrove, facendo diventare il cantiere un luogo di circolazione di cultura e tecniche internazionali. Si ricordano anche le grandiose opere realizzate per trasportare il marmo da Candoglia sul Lago Maggiore fino al cuore di Milano.

Così la Cattedrale, costruita per esprimere l’originale movimento della persona e del popolo verso il proprio destino dava il proprio contributo alla vitalità economica della città.